I danni del Cybercrimine

Le azione possono anche essere virtuali, ma i danni, purtroppo, sono reali. Il fenomeno del cybercrimine ha portato effetti decisamente pesanti ed evidenti nel nostro Paese, visto che, soltanto nel 2015 in Italia sono stati provocati danni che ammontano a 9 miliardi di euro. I danni del cybercrimineIn pratica una vera e propria manovra finanziaria. Mentre il mercato online si sviluppa e cresce a ritmi sempre più veloci, le banche e le aziende non sono ancora in grado di ostacolare e difendersi di fronte alle più temute minacce del web. Il dato più evidente è che nell’ ambito dell’ online gli investimenti sono nettamente e notevolmente inferiori ad un miliardo di euro, ciò fa capire bene l’ idea del danno creato. Ciò significa che, da una parte vi è il boom economico della navigazione in mobilità, dall’ altra invece, non appare un livello di sicurezza alla pari della crescita di tale fenomeno.

Tutto ciò che è stato detto non sono supposizioni o semplici impressioni, si tratta piuttosto di dati veri e concreti, elaborati e certificati grazie ad una ricerca eseguita dall’ Osservatorio di Information & Security del Politecnico di Milano. I dati elaborati parlano di un’ Italia sempre più dipendente da Internet e tutto ciò che lo circonda: sono infatti, ben 45 milioni i dispositivi mobili connessi al giorno e il mercato cloud usato ottiene oltre un miliardo e mezzo di euro. Tutto questo sarebbe più che apprezzato da tutte le aziende che fanno parte del settore, se tutto questo non dovesse scontrarsi con il ritardo più che palese sul piano di sicurezza.

Cifre senza pietà per i danni del Cybercrimine

I numeri lasciano molto poco a desiderare: l’ aumento , molto poco confortante, per gli investimenti sulla sicurezza informatica, in Italia sale all’ 8 %, mentre i danni del cybercrimine salgono al 30 %. Una differenza molto notevole che può tramutarsi in una vera e propria forma di emergenza. Nel nostro Paese, soltanto durante l’ anno passato, sono stati registrati più di mille incidenti informatici ritenuti davvero gravi, e con l’ utilizzo di servizi online basati sul cloud, sono per questo finiti nel mirino di tutti i cracker e hacker. Proprio questo genere di attacco è cresciuto più dell’ 80 %. Peggio ancora è andata per tutte le infrastrutture sensibili, le quali hanno un aumento del 150 %. Non bisogna dimenticare poi tutte le minacce convenzionali come ad esempio il phishing che vanta un aumento del 50 % oppure i ransomware i quali sono arrivati ad una crescita superiore del 130 %. In poche parole, gli esperti hanno dedotto che un’ azienda su tre è sottoposta ad un rischio elevato di danni del cybercrimine.

In forte crescita è anche lo spionaggio virtuale, aumentato a causa della poca attenzione alla crittografia dei dati, cosa che, soltanto un’ azienda su tre si presta ad organizzarla. Un altro aspetto molto importante che viene sottovalutato dalle aziende è anche la gestione sul web dei dati e sui social network, basta pensare che soltanto il 30 % delle aziende presta attenzione a questo servizio.
Va ricordato, infine, che la policy per la gestione dei dispositivi mobili è, ormai, un servizio che viene preso in considerazione da meno della metà delle aziende.

Condividi questo articolo

I danni del Cybercrimine
Tagged on: