Le priorità del 2017 per la sicurezza informatica

Sono passati pochi giorni, dall’ inizio del 2017, e vale sicuramente la pena individuare diverse priorità che riguardano sopratutto la sicurezza informatica per questo anno. Prendiamo spunto proprio dalle previsioni effettuate da Security Report di Check Point Software Technologies, che ha eseguito, in diverse parti del mondo, dei numerosi esami sui controlli di sicurezza e gateway.

Le priorità del 2017 per la sicurezza informaticaAd esempio, se parliamo di mobile, possiamo notare che negli ultimi quattro anni, è aumentato del 1700% l’ utilizzo dei tablet, ed è quindi facilmente intuibile quanto possano essere in aumento anche gli attacchi verso questa tipologia di device. Nel settore aziendale, il 20% delle violazioni dei dati può essere frutto del comportamento di uno dei dipendenti: questo ovviamente non vuol dire possiamo aver sempre a che fare con dei dipendenti disonesti, ma molto più semplicemente perché sia dimenticanze che distrazioni varie possono sempre capitare e la maggior parte delle volte possono essere disastrose. È per questo motivo che è molto importante per la sicurezza mobile delle aziende, un corretto insieme di privacy, protezione e produttività.

Una tra le altre priorità su cui sarà meglio concentrarsi nei prossimi mesi, ovviamente sempre per quello che riguarda la sicurezza informatica, è l ‘Internet of Things, un settore in costante crescita e perciò anche sempre più esposto ad attacchi. La tecnologia operativa negli ambienti SCADA è solo uno tra gli ambiti che meritano maggiore attenzione, dato che, in questi ambienti, sono spesso protagonisti dei sistemi non recenti, dove non vengono impiegate le pacht o addirittura dove non sono disponibili.

Le infrastrutture critiche e la prevenzione delle minacce

Riuscire a prevenire tutte le minacce non è affatto semplice, sopratutto se si pensa che vengono riconosciuti circa 12 milioni di varianti di virus e malware nuovi ogni mese. Anche con il ransomware si può notare la stessa rapidità di crescita, e per questo motivo, le aziende, sono costrette ad utilizzare delle strategie a multi-strato, in modo tale d’ assicurare un’ affidata protezione dei dati, attraverso anche le tecniche di sandboxing e l’ estrazione delle minacce. Questo vale sopratutto per le reti, per le reti elettriche, per le centrali nucleari e per le telecomunicazioni: tutte loro rappresentano le infrastrutture critiche, dato che sono molto vulnerabili a una vasto numero di attacchi informatici. Purtroppo questa situazione è data dal fatto che la maggior parte di queste particolari infrastrutture è stata idealizzata e messa a punto molto prima che queste minacce informatiche venissero organizzate, e per questo non possono essere in grado di affrontarle al meglio.

Per finire, un altro aspetto a cui dare una certa priorità, nel mondo della sicurezza informatica nel 2017, è senza alcun dubbio la diffusione del cloud. Sempre più imprese hanno fatto affidamento sul sistema della nuvola, sia che si tratti di cloud pubblico che quello privato. Con la diffusione di file compromessi da un cloud a un altro, questi attacchi possono diventare sempre più numerosi, per non dimenticare poi tutti i rischi collegati all’ uso del sistema del cloud come moltiplicatore di volume. Ormai, gli hacker sono diventati sempre più furbi e intelligenti, per questo motivo non possiamo più affidarci unicamente ai tradizionali e vecchi antivirus signature – based per poterli sconfiggere o per lo meno allontanarli.

Condividi questo articolo

Le priorità del 2017 per la sicurezza informatica
Tagged on: