Recupero dati camera bianca

Il recupero dati in camera bianca è un intervento che permette di lavorare sugli hard disk compromessi, o danneggiati, in totale sicurezza: il nostro laboratorio agisce in maniera precisa e sicura, garantendo il conseguimento dell’obiettivo con professionalità e affidabilità.

Cos’è una camera bianca

Quando si parla di camera bianca, si fa riferimento a un ambiente di lavoro asettico nel quale l’aria è più pulita rispetto all’aria normale, dalle 10mila alle 50mila volte. Tale ambiente è reso possibile da ventilatori a bassa velocità, che dal soffitto immettono nella camera un flusso laminare di aria. Quest’aria arriva da filtri situati all’esterno, e viene aspirata tramite griglie collocate per terra. Si tratta dei cosiddetti Ffu, cioè Fan Filter Units: sono i sistemi di ventilazione che fanno sì che nell’ambiente in cui si lavora non vi siano particelle più grandi di una determinata dimensione.

A cosa serve la camera bianca nel recupero dati

Il nostro servizio di data recovery con camera bianca può tornare utile, per esempio, per il recupero di dati da hard disk caduto o danneggiato meccanicamente. Il nostro laboratorio si avvale di cappe laminari dotate di prefiltro Hepa, che servono appunto a ripulire l’aria degli ambienti in cui avvengono le operazioni di carattere meccanico che riguardano gli hard disk compromessi e danneggiati. Le cappe con prefiltro Hepa garantiscono la massima pulizia dell’aria, così da offrire sicurezza e annullamento di ogni tipo di rischio: ciò vuol dire che gli hard disk possono essere ispezionati senza problemi e senza rischi. Il recupero dei dati effettuato nel nostro laboratorio garantisce percentuali di risultato prossime al 100%.

La camera bianca, tra l’altro, è progettata e realizzata per far sì che possano essere svolte operazioni di recupero simultanee. Il ricorso a questo tipo di ambiente è fondamentale perché aprire un hard disk in una stanza normale comporterebbe un danno irreparabile: il disco diventerebbe non più utilizzabile nel giro di pochissimi istanti.

Condividi questo articolo