Recupero dati hard disk danneggiato

Il nostro laboratorio è un punto di riferimento per il recupero dati di un hard disk danneggiato, grazie a un laboratorio all’avanguardia e munito di tutte le apparecchiature necessarie a questo tipo di operazioni.

Perché un hard disk si danneggia e cosa fare?

Sono vari i motivi che possono causare il danneggiamento di un hard disk: il danneggiamento meccanico, per altro, è quello che più comunemente provoca la perdita di dati. Un urto accidentale all’hard disk o uno sbalzo di corrente possono danneggiare gravemente il supporto rendendolo inutilizzabile.

Può accadere, per esempio, che il locale in cui si trovano i server si allaghi o si incendi. Ma il danneggiamento meccanico può essere causato anche da sbalzi di tensione, fulmini o sovraccarichi elettrici, che danno origine a un problema di natura elettronica; o da problematiche firmware; o, ancora, dalla semplice usura dovuta a un utilizzo permanente nel corso degli anni, che può tradursi in un progressivo e pericoloso degradamento delle superfici magnetiche.

Cos’è il recupero dati hard disk danneggiato?

In qualunque caso, il recupero dati hard disk danneggiato prevede che si intervenga direttamente sull’hard disk in questione, per poi – in un secondo momento – ricreare la sua struttura esadecimale completamente ed estrarre i dati. Il primo passo da compiere consiste nel realizzare le immagini degli hard disk danneggiati, per poi poter estrarre i dati direttamente dalle immagini create.

Il nostro laboratorio è in grado di eseguire tutte queste operazioni attraverso la camera bianca di cui dispone, un ambiente sterile munito di cappe a flusso laminare Hepa tramite il quale vengono estratte le immagini binarie che sono necessarie per ricostruire i dati degli hard disk. Le cappe a flusso laminare sono fondamentali perché filtrano l’aria e impediscono il passaggio di particelle superiori a determinate dimensioni: in questo modo, tutti i supporti possono essere aperti con la massima sicurezza, e si può lavorare su di loro senza rischi.

Condividi questo articolo