Ecco come salvaguardare i propri dati personali online

Al giorno d’ oggi l’ argomento che coinvolge ormai ognuno di noi è sicuramente la privacy online, dato che nessuno vuole che i propri dati personali vengano diffusi durante la navigazione sul web.Ecco come salvaguardare i propri dati personali online
Quali sono però, le precauzioni da adottare in questo ambito? Ovviamente il punto di partenza migliore è l’ installazione di un buon antivirus, ma molto più importante sarà compiere comportamenti prudenti e razionali: ad esempio, meglio evitare di aprire dei messaggi di posta sospetti, provenienti magari da mittenti a noi sconosciuti o ancora da indirizzi stranieri.

Successivamente, deve essere riservata particolare attenzione verso i broswer: quelli maggiormente diffusi sono Google Chrome e Internet Explorer, ma ovviamente non sono le uniche soluzioni a cui fare affidamento. Per esempio, Mozilla Firefox garantisce sia privacy e sicurezza, ma vale la pena anche di provare SRWare Iron, che a differenza di Chrome non ha la parte di codici relativi al monitoraggio. Più completo ancora è Tor Browser Bundle il quale permette di navigare nell’ anonimato più completo.

Nella visione di una maggiore sicurezza può essere molto utile anche ricorrere a componenti aggiuntivi: tra tutte le estensioni consigliate troviamo Disconnect e Ghostery, che sono capaci di arrestare più forme di monitoraggio invasivo, e anche HTTPS Everywhere che piuttosto, porta nei siti nelle loro versioni crittografate. Se si vuole capire la differenza tra un sito crittografato e un sito non crittografato, basta confrontare https://facebook.com e http://facebook.com .

A proposito di Crittografia

Per rimanere sempre in tema della Crittografia, le conversazioni che avvengono tramite tutte le piattaforme di messaggistica istantanea meritano di essere crittografate. Le applicazioni che sono in commercio sono davvero tante, forse però la migliore è Signal, che viene suggerita anche dagli esperti della sicurezza informatica, poiché con questa particolare applicazione si può avere la certezza che nessun estraneo possa “impicciarsi” delle conversazioni eseguite nelle app.

Tra le pratiche da adottare per a salvaguardia dei dati personali online, è importante non sottovalutare quello che viene fatto durante l’ utilizzo dei motori di ricerca. Su Yahoo!, Bing o Google e tutti i loro “fratelli” ogni nostra azione lascia una traccia, e possono fornire dati come quello che facciamo, cosa compriamo, dove ci troviamo e così via. DuckDuckGo, un motore di ricerca, rappresenta una soluzione alternativa rispetto agli standard, infatti non è affatto un caso che il numero dei suoi utenti, negli ultimi tre anni, sia triplicato. Merita di essere messo alla prova, comunque, anche StartPage.

Per concludere, bisogna prestare molta attenzione al provider di posta elettronica, che solitamente si utilizza. Perché bisogna cambiarlo? Perché vi è molta probabilità che lo stesso provider sia monitorato per favorire la trasmissione degli annunci vicini agli interessi dell’ utente. Ad esempio si può utilizzare Runbox o Tutanota come provider di mal oppure ancora ProtonMail e Posteo che dovrebbero garantire risultati ottimali: costano molto poco e non destano preoccupazioni o timori.

Condividi questo articolo

Ecco come salvaguardare i propri dati personali online
Tagged on: